Top 10 🥇 Le migliori Stampanti A Getto D'inchiostro del 2020

Opzioni Considerate: 40
Paese: IT Flag Italia
Ultimo aggiornamento: novembre 2020
Criteri per la classificazione: Rapporto qualità-prezzo, Recensioni clienti, Popolarità, Affidabilità del brand

Il bisogno di stampanti per l’utilizzo domestico o per l’ufficio è notevolmente aumentato nel corso degli ultimi anni, e nonostante i passi in avanti fatti grazie agli strumenti digitali, avere un supporto cartaceo i mano può essere utile, e in alcune circostanze insostituibile.  Qualunque sia l’esigenza, trovare una stampante non è un compito che richiede troppo impegno. Il mercato offre tante alternative per tutte le tasche. Si tratta di un punto fermo nell’attrezzatura minima da avere sulla propria scrivania, un oggetto che non è di fatto cambiato molto a livello tecnologico ma che è solo diventato più efficiente e decisamente meno costoso.

Conclusioni

Pro

Contro

Reviewfinder è un sito supportato dalle visite. Quando acquisti attraverso i nostri link otteniamo una commissione di affiliazione senza alcun costo per te.
Tabella: Le migliori stampanti a getto d'inchiostro
Classifica stampanti a getto d'inchiostro Prezzo
1 Epson
Descrizione: Caratteristiche: inkjet 4-in-1 con Wi-Fi, compatta, stampa A4 fronte/retro, scan... Mostra altro
Mostra prodotto
2 HP
Descrizione: Dal 29 Agosto al 15 Novembre 2020 scopri come ottenere 6 mesi di Instant Ink inc... Mostra altro
Mostra prodotto
3 Epson
Descrizione: Stampante 3-in-1: progettata per integrarsi al tuo ambiente domestico; questo mo... Mostra altro
Mostra prodotto
4 HP
Descrizione: SMART WORKING: dal 27 Ottobre 2020 al 31 Gennaio 2021 scopri come ottenere 6 mes... Mostra altro
Mostra prodotto
5 Canon
Descrizione: Tecnologia di stampa: ad inchiostro | Risoluzione massima: 4800 x 1200 DPI | Mas... Mostra altro
Mostra prodotto
6 Epson
Descrizione: Senza cartucce: grazie ai serbatoi di inchiostro ricaricabili non è più necessar... Mostra altro
Mostra prodotto
7 Canon
Descrizione: Canon pixma ts3350 multifunzione a getto d'inchiostro a colori (stampa, scansion... Mostra altro
Mostra prodotto
8 HP
Descrizione: Velocità di stampa: fino a 9,5 ppm nero ISO (A4) e fino a 6,8 ppm colore ISO (A4... Mostra altro
Mostra prodotto
9 HP
Descrizione: PROMOZIONE SMART WORKING: dal 27 Ottobre 2020 al 31 Gennaio 2021 scopri come ott... Mostra altro
Mostra prodotto
10 EPS0N
Descrizione: Multifunzione 3-in-1: stampa, scansione, copia; il display LCD da 3.7 cm consent... Mostra altro
Mostra prodotto

Meglio una stampante a getto d’inchiostro o una stampante laser?

Capire che tipo di differenze ci siano tra un tipo di stampante e l’altro è il primo passo da compiere prima di cominciare a valutare i modelli tra cui scegliere prima dell’acquisto.

- Stampante a getto d’inchiostro

Le stampanti a getto d’inchiostro spruzzano delle mini goccioline d’inchiostro liquido direttamente sulla pagina. I sistemi per la gestione dell’inchiostro possono variare, ma l’idea di base è quella di fornire le macchine di cartucce con all’interno dell’inchiostro, di solito dividendolo per colore o per gruppi di colore. Il nero viene isolato in una cartuccia apposita, mentre i tre colori base (ciano, giallo e magenta) vanno a mischiarsi in base alle esigenze creando gli altri colori. Le stampanti più economiche hanno al loro interno soltanto due cartucce, mentre quelle di fascia più altra tendono a separare i colori e ad avere quindi sino a 4 cartucce separate.

Il problema di questo tipo di stampante non è tanto il costo iniziale, ma i costi di gestione legati all’acquisto delle cartucce. Spesso si spende di più per delle cartucce di ricambio originali che per la macchina in sé e per sé. Si tratta evidentemente di un fattore da tenere in forte considerazione. Esistono inoltre stampanti che hanno delle cartucce che possono essere rabboccate  e che quindi permettono di risparmiare. Si tratta dell’opzione preferibile per quelle persone che hanno necessità di stampare molto materiale. 


- Stampante Laser

Questi device invece utilizzano una tecnologia laser per creare energia statica che va ad attrarre il toner, sotto forma di polvere, che va a fondersi sulla carta. Una cartuccia di toner costa di più di una d’inchiostro, ma la sua durata è decisamente maggiore della seconda e permette quindi di avere un costo per pagina inferiore. In sostanza i costi iniziali più elevati vengono ammortizzati nel lungo periodo. Le stampanti laser hanno inoltre altri benefici rispetto alle sorelle a getto d’inchiostro. Innanzitutto sono più veloci e la qualità delle stampe risulta essere più precisa. Parzialmente diverso è il discorso per quelle a colori; costano molto, e se non se ne acquista una di livello professionale, la resa non all’altezza delle stampe in bianco e nero.

Quali fattori devo tenere in considerazione prima dell’acquisto?

I fattori da tenere in considerazione prima dell’acquisto sono numerosi, ma prima di passarli in rassegna è necessario capire che tipo d’utilizzo dobbiamo fare con la stampante. Se le stampe a colori per voi non hanno un peso preponderante, allora siete già arrivati alla soluzione: una stampante laser è la scelta che fa per voi. Ma se invece vi serve una macchina che stampi bene anche delle immagini, e occasionalmente anche dei semplici documenti in bianco e nero, allora una stampante a getto d’inchiostro potrebbe fare al caso vostro.
Se vi serve una stampante da usare sporadicamente a casa orientatevi verso una inkjet, se invece dovete stampare una mole enorme di fogli e in maniera regolare, una laser a livello di efficienze e di velocità è sicuramente preferibile.

Se lavorate spesso da casa o se pensate di farlo in futuro, è il caso di prendere in considerazione una stampante multifunzione in grado di fare anche altro. Si tratta di device, solitamente più ingombranti e leggermente più costosi che permettono la scansione di documenti e di copiare e stampare direttamente da supporto cartaceo. Sono molto utili perché permettono di risparmiare molto spazio, evitando di riempire lo spazio sotto la scrivania di fili e cavi.


Velocità di stampa

La velocità di stampa viene misurata in IPM (impressions per minute). Si tratta di una misura internazionale che deve essere dichiarata e rispettata dalle case produttrici.  


Risoluzione di stampa

La risoluzione di stampa è importante per ogni tipo di utilizzatore perché rappresenta la qualità dell’output, sia che questo sia un’immagine, sia che sia un semplice testo. La risoluzione viene misurata in DPI (dots per inch) e rappresenta la quantità d’inchiostro o di toner utilizzata per la stampa. Più il valore è alto, più alta è la definizione dell’immagine stampata. Le stampanti a getto d’inchiostro odierne garantiscono una risoluzione a 1200 x 1440 DPI. Le stampanti che hanno la capacità di stampare formati più grandi hanno un DPI solitamente più elevato.


Sistemazione e uscita dei fogli

Alcune stampanti ricevono i fogli da stampare da cassetti posti sulla parte frontale delle stesse. Questo tipo di alimentazione può rivelarsi scomodo per quei tipi di attività che prevedono stampe lunghe e che possono portare la risma a piegarsi. In questi casi è meglio cercare una stampante che abbia l’alimentazione dei fogli sulla parte posteriore. Importante è capire quanti fogli ciascun cassetto riesca ad ospitare. Anche qui, importante l’utilizzo che s’intende fare della stampante.


Opzione fronte-retro

La capacità di stampare da un lato e dall’altro del foglio, fronte-retro, appunto, è molto più diffusa di quello che si possa pensare, ma non è presente in tutte le stampanti. Si tratta di una funzione molto utile, sia per risparmiare carta, sia per ridurre l’ingombro dei documenti stampati. Sono poche però le stampanti che non richiedono l’azione umana per la stampa del retro, e questo questo, soprattutto se si devono stampare molti documenti, può rivelarsi una enorme seccatura.


Prezzo per pagina

Se andiamo a considerare le voci di costo relative alle stampe domestiche o in ufficio, non ci sono dubbi: quella maggiore e più pesante per il portafogli è quella legata alle cartucce d’inchiostro. Esiste un modo per capire a quanto ammonti il prezzo per stampa nel lungo periodo. Basta in sostanza dividere il costo delle cartucce per il numero di stampe che si prevede di fare con le stesse. Di solito queste statistiche possono essere reperite sulle pagine web dei produttori, ma devono comunque essere prese con le molle e devono essere verificate volta per volta.


Connettività wireless

Quando si acquista una stampante, un altro aspetto da verificare è la presenza della possibilità di connettere il proprio pc o altro device senza l’utilizzo di cavi, ossia via Bluetooth, NFC o Wi-Fi. Bisogna verificare che ci sia la compatibilità tra i device che si vogliono usare e la stampante stessa.  


Stampa di foto

A meno che non abbiate la necessità di stamparvi album completi di foto, una stampante di questo tipo non è necessaria. Ad ogni modo, possiamo dire che questo tipo di device hanno al loro interno tutta una serie di funzioni extra che permettono di lavorare le immagini prima della stampa.  Esistono stampanti di foto pensate per un uso saltuario, che di solito supportano supporti di dimensioni limitate, ed esistono ovviamente anche quelle pensate per un’utilizzazione professionale. In mezzo troviamo macchine capaci di fare il proprio lavoro.

Quanto costa una stampante a getto d’inchiostro in Italia?

Come già abbiamo avuto modo di mettere in risalto, il costo da tenere in considerazione non è tanto quello iniziale legato all’acquisto della stampante, ma quello delle cartucce d’inchiostro sostitutive. Si trovano sul mercato stampante a getto d’inchiostro dignitose a prezzi che superano di poco i 30 euro, ma può capitare che un set di cartucce di ricambio superi quello della macchina stessa.  A lungo andare, con questo tipo di condizioni, stampare può diventare un salasso. Esistono numerose aziende che producono cartucce compatibili, ma le case produttrici di stampanti, vista la diminuzione degli introiti a causa della concorrenza, spesso inseriscono dei blocchi durante la lettura del chip, che di fatto rendono la cartuccia compatibile inutilizzabile. Inoltre, capita che questo tipo di cartucce economiche abbiano al loro interno dell’inchiostro di qualità minore, con effetti negativi sulla resa della stampa. Quindi, risparmiare è possibile, ma bisogna premurarsi di controllare sia la qualità delle cartucce compatibili, sia che le stesse possano realmente essere usate in quella determinata stampante.
Una stampante multifunzione può andare da un minimo di 60 euro sino ai 100 euro abbondanti.

Questo sito presenta informazioni acquisite anche attraverso terze parti. Non vengono espressi giudizi a favore o contro i prodotti che sono presentati. I dati contenuti nel sito sono di carattere puramente informativo. Non è possibile garantire la correttezza e la completezza dei dati, quindi non ci si assume la responsabilità per qualsiasi inconveniente che possa scaturire dall'utilizzo di questi dati. I Marchi e i diritti di Copyright appartengono ai propri rispettivi proprietari. Essendo un sito affiliato ad Amazon, guadagna attraverso la pubblicità dei suoi prodotti senza alcun costo aggiuntivo per l'utente.


© 2020